Oggi più che mai in Italia si sente parlare di Smart Working e, nel pieno dell’emergenza sanitaria che ha colpito non solo la nostra nazione, ma il mondo intero, è lo stesso Governo, attraverso il decreto attuativo del 23 febbraio 2020 n. 6 a prevedere “la sospensione delle attività lavorative per le imprese […] ad esclusione di quelle che possono essere svolte in modalità domiciliare ovvero in modalità a distanza”.

Che cos’è?

Tuttavia, comprendere il reale significato dello Smart Working, tradotto in italiano come Lavoro Agile, non è immediato. Certamente si tratta di un modo differente di stare alla scrivania che richiede alle persone flessibilità e in cambio restituisce autonomia, dona libertà nella scelta degli spazi, degli orari e degli strumenti da utilizzare ma responsabilizza sui risultati.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali definisce lo Smart Working «una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato caratterizzato dall’assenza di vincoli orari o spaziali e un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro; una modalità che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e, al contempo, favorire la crescita della sua produttività».

Sicuramente è un nuovo modo di lavorare, che spesso presuppone un cambiamento, ma che viene certamente in aiuto non solo in situazioni di emergenza come questa ma anche di chi ha necessità di lavorare in modo flessibile rispetto al luogo e all’orario.

In cosa consiste?

In questi giorni sono tante le aziende che hanno chiesto ai loro dipendenti di limitare le trasferte di lavoro e lavorare in Smart Working ma molti ancora non si rendono conto di cosa significhi e come si possa attuare il Lavoro Agile.

Innanzitutto i vantaggi:

  1. possibilità di lavorare da qualsiasi parte del mondo con qualsiasi dispositivo
  2. opportunità di lavorare insieme ad uno stesso file
  3. condivisione in totale sicurezza del proprio archivio dati
  4. documenti, fogli di lavoro, presentazioni e appunti sempre accessibili

E poi gli strumenti:

  1. calendario appuntamenti condiviso
  2. riunioni a distanza
  3. video chiamate e video conferenze
  4. lavagne elettroniche
  5. rubriche di contatti

A chi è adatto?

L’agenzia di comunicazione Media Marketer, lavora in smart working da tempo consentendo ai suoi collaboratori di svolgere le proprie mansioni a distanza. In fondo basta un dispositivo connesso a internet, cosa che oggi hanno tutti.

Aziende piccole e grandi, studi professionali e associati, uffici amministrativi, Enti e Associazioni possono sfruttare lo Smart Working a partire da subito superando così l’ostacolo della distanza.

Media Marketer si avvale di uno strumento che consente di accedere al proprio server aziendale da qualunque dispositivo in qualunque momento e in totale sicurezza. Questo significa:

  1. Essere sempre in contatto con i colleghi, ovunque si trovino
  2. Avere a disposizione tutto il necessario per realizzare progetti e portare avanti il lavoro
  3. Archiviare file e trovare immediatamente ciò che si cerca
  4. Gestire rapidamente e in modo sicuro i dati

I tempi di installazione sono brevissimi, non richiede un livello avanzato di conoscenza degli strumenti informatici e da subito è possibile iniziare a lavorare, in team, a distanza, dal proprio computer.

Semplice, veloce, smart.

Per info 0743225572 o 3336297471 – Media Marketer

//www.mediamarketer.it/wp-content/uploads/2019/06/footer_logo-mm.png
https://www.mediamarketer.it/wp-content/uploads/2019/12/Aruba-290x80.png
https://www.mediamarketer.it/wp-content/uploads/2019/12/FB-Developers-290x80.png
https://www.mediamarketer.it/wp-content/uploads/2019/12/G-Developers-290x80.png
https://www.mediamarketer.it/wp-content/uploads/2019/12/G-Partner-290x80.png
https://www.mediamarketer.it/wp-content/uploads/2019/12/ios-290x80.png